Salta al contenuto

CHI SONO

Gabriele Maricchiolo – fotografo

Sono nato a Messina nell’ Agosto del 1967. Nella mia famiglia la “fotografia” ha sempre ricoperto un ruolo centrale, sia economico che culturale. Mio nonno Gaetano e sopratutto mio padre Paolo hanno portato nella città dello stretto innovazione e qualità già dal 1930 creando quello che negli anni sarebbe diventato il più importante studio fotografico nella realizzazione di matrimoni ed eventi in genere.

Già nel 1982, mentre i miei coetanei quattordicenni festeggiavano la vittoria dei mondiali di Spagna, io con la mia Contax 139 cercavo di ricreare immagini all’altezza del cognome che portavo. Da allora non ho più smesso!

Dalla Contax 139 alla Rollei 6006, dalle pellicole Fuji alle Kodak T-Max, scatto dopo scatto ho visto finire il millennio e pellicole all’alba dell’era digitale.

Pur con nuove tecnologie la sfida è sempre la stessa, raccontare per immagini.

Il mio lavoro è sempre stato questo!

Oggi gestisco il mio studio fotografico, mi occupo prevalentemente di cerimonie (matrimoni ecc.) ma non tralascio l’aspetto giornalistico della mia professione. Iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010 collaboro attivamente con agenzie foto-giornalistiche internazionali attraverso le quali ho avuto modo nell’ultimo decennio di partecipare e fotografare alcuni tra gli eventi più importanti al mondo, dal G7 alla Champions League, fotografando personaggi da “copertina” uomini e donne tra i più importanti del nostro pianeta ognuno nel proprio ambito dal cinema alla politica, sport ecc.

Questo lavro mi ha portato a girare quasi tutto il mondo, ma spesso le maggiori soddisfazioni sono quelle che provo a Messina durante uno dei tanti matrimoni, fotografare la genuinità di sentimenti di giovani sposi ha sempre risvolti emozionanti.

In oltre 30 anni di attività ho collezionato grandi riconoscimenti, dalle prime pagine alle mostre, ma ho sempre l’impressione di essere ancora all’inizio, di dover ancora realizzare quella foto, in quella situazione, con quei colori, dentro quella inquadratura che cerco giorno dopo giorno.

play video https://www.youtube.com/watch?v=k_qGxzOw6o0